Corso Mazzini e via Cavour a Cividale del Friuli

corso mazzini cividale del friuli

La costruzione di una città romana, come la disposizione di un accampamento, iniziava sempre tracciando il cardo e il decumano, le due vie principali della città (rispettivamente in direzione nord-sud ed est-ovest) che si incrociavano in corrispondenza del foro. Corso Mazzini rappresenta il cardo della Cividale romana.

Corso Mazzini

Corso Mazzini collega Piazza Polo Diacono a Piazza del Duomo, e racchiude in sé uno spirito sia romano, ovviamente, sia veneziano: questo per il suo aspetto angusto e signorile, per l’abbondanza di negozietti e passanti. Si affacciano su Corso Mazzini molti palazzi alquanto interessanti; ad esempio, ne troviamo uno di stile rinascimentale all’angolo di Piazza del Duomo (Palazzo Nordis), e uno appartenente alla famiglia De’ Portis, tra le più celebri di Cividale. All’interno di questo è visibile un fregio cinquecentesco monocromatico, seppure parzialmente nascosto, che comprende tre scene dipinte raffiguranti episodi cavallereschi – forse proprio di Cividale. Si tratta di uno dei pochi esempi rimasti di pittura a soffitto.

Proseguendo per Corso Mazzini troviamo anche una casa a decorazioni quattrocentesche e, infissa in una parete, una patera (ossia un bassorilievo ornamentale di forma circolare) veneto-bizantina del Duecento – l’unica del genere rimasta ancora in loco sulle case della città.

via cavour a cividale
via cavour a Cividale

Via Cavour

All’incrocio con Via Cavour si trovano altri due palazzi stupendi: quello più a sud dei due risale al Trecento, è caratterizzato da mattoni a vista ed un porticato con colonne ottagonali, i cui capitelli hanno una decorazione a foglie; si tratta di una casa gotica del periodo veneziano, purtroppo rovinata in parte dagli interventi che subì nell’Ottocento. Il palazzo più a nord, invece, risale al Cinquecento, e la sua caratteristica principale sono gli affreschi sulle facciate, opera di Marco Bello (pittore friulano attivo tra 1505 e 1523); meraviglioso soprattutto il dipinto della Madonna con bambino, che dà su Corso Mazzini.

Ogni sabato mattina, mentre Piazza Paolo Diacono si anima con il mercato, Via Cavour si trasforma in una galleria d’arte all’aria aperta.