Cosa fare e vedere a Resiutta

I luoghi d’interesse turistico di Resiutta, le manifestazioni, i prodotti tipici e tutte le informazioni per la visita

resiutta
Galleria Ghiacciaia di Resiutta (UD), Italy

Nel punto d’incontro tra la Val Resia e il Canal del Ferro, a 316 metri sul livello del mare, trova posto il comune di Resiutta, un centro di particolare importanza sin dall’antichità. Il suo territorio comprende, oltre al capoluogo, quattro frazioni (Borgo Cros, Rauni, Povici di Sopra e Povici di Sotto), ed è interessato dal Parco Naturale delle Prealpi Giulie.

Se state trascorrendo una vacanza in zona, o semplicemente siete di passaggio, in questo breve articolo potrete trovare le informazioni essenziali su cosa vedere a Resiutta nell’arco di una giornata.

Le principali attrazioni turistiche di Resiutta

Come si è accennato, il territorio di Resiutta svolse già in epoca antica un importante ruolo nei traffici e nell’assistenza ai viaggiatori, trovandosi lungo l’arteria commerciale del Canal del Ferro. Alcuni rinvenimenti archeologici, consistenti in particolar modo in oggetti di bronzo, monete ed iscrizioni d’epoca romana, testimoniano la presenza di un insediamento già prima del VI secolo d.C.

Durante una visita del capoluogo, è da non perdere la chiesa parrocchiale di San Martino, istituita nel 1199 e retta dapprima dai benedettini e poi, dal XIV secolo, dai sacerdoti dell’abate di Moggio, da cui dipendeva. L’edificio fu costruito in un periodo di ripresa economica e culturale dell’abitato dopo la caduta dell’impero romano, e al suo interno conserva un’interessante acquasantiera raffigurante la testa di Giano Bifronte.

Esigui sono gli altri esempi di architettura storica, complice anche il terremoto del 1976 che colpì duramente il territorio. In questo frangente, è di particolare interesse la visita dell’antico Borgo Cros, caratterizzato dalle poche abitazioni rurali rimaste intatte dopo tale catastrofe naturale.

Le due principali istituzioni museali presenti a Resiutta sono legate ad attività tradizionali del territorio. La prima è costituita dalla Mostra della Miniera del Rio Resartico, alle pendici del Monte Plauris. Qui si teneva l’attività estrattiva che per oltre un secolo costituì un punto di riferimento per l’intera comunità, e oggi il museo racconta, attraverso l’allestimento espositivo, l’attività e la vita dei minatori. La seconda è la Galleria ghiacciaia, legata alla locale produzione di birra iniziata nella prima metà dell’Ottocento. La galleria funse infatti da deposito e luogo di refrigerazione della birra, e oggi è stata ristrutturata e ripristinata per permettere ai visitatori di ripercorrere la storia del manufatto e della fabbricazione della birra a Resiutta.

Il territorio di questo comune è comodo anche come punto di partenza per diverse gite escursionistiche nel Parco Naturale delle Prealpi Giulie, alla scoperta delle caratteristiche specifiche del suolo e della vegetazione del territorio, oltre che dei bellissimi paesaggi. Il parco, che copre in tutto una superficie di circa 10.000 ettari, interessa diversi comuni della zona, e costituisce un’area dalle spiccate e suggestive specificità paesaggistiche, storico-culturali e naturali.

Per gli appassionati di ciclismo è infine da ricordare la ciclovia Alpe Adria, un percorso ciclabile che, in un suo tratto, collega il Canal del Ferro con la Valcanale lungo l’antica “ferrovia pontebbana”, permettendo ai turisti di percorrere in bicicletta la strada da Tarvisio a Resiutta.

Cosa vedere a Resiutta e dintorni

Resiutta e i suoi dintorni sono caratterizzati da varie attrazioni turistiche. Sono da non perdere, in particolare, i seguenti siti e località:

Edifici civili

  • Abitazioni rurali di Borgo Cros

Monumenti e opere

  • Fontana

Edifici religiosi

  • Chiesa parrocchiale di San Martino

Musei

  • Mostra della Miniera del Rio Resartico
  • Galleria Ghiacciaia
  • Museo della Grande Guerra in Montagna (Forte Col Bandin a Chiusaforte)

Luoghi d’interesse naturalistico

  • Parco Naturale delle Prealpi Giulie
  • Valle del Rio Resartico

I prodotti tipici: l’aglio di Resia

Tra i prodotti tipici del territorio spicca l’aglio di Resia (“strok” per i resiani), coltivato in tutta la Val di Resia. Il prodotto è attualmente un presidio slow food per le sue specifiche caratteristiche, oltre che per il metodo di coltivazione naturale e la concimazione attraverso metodi tradizionali. Si tratta, infatti, di un piccolo ma prezioso patrimonio di biodiversità, con caratteristiche peculiari di odore e sapore che, grazie all’isolamento geografico secolare di cui ha goduto, lo rendono diverso dalle altre specie in commercio.

Una volta raccolto, l’aglio di Resia viene solitamente confezionato in mazzi di bulbi oppure trecce, ed è particolarmente adatto per la produzione di salumi, in quanto privo dell’aroma acre tipico delle varietà più comuni.

Eventi e manifestazioni di Resiutta

Tra gli eventi che si tengono nel comune di Resiutta, sono di particolare richiamo il Trofeo dei Tre Comuni, una competizione sportiva giunta quest’anno (2018) alla 48° edizione e che coinvolge i comuni limitrofi di Resiutta, Chiusaforte e Resia; e la Festa dell’agricoltura, a ottobre, con stand gastronomici e artigianali, presentazioni di volumi ed escursioni adatte a tutte le età: gli appassionati potranno andare alla scoperta della miniera del rio Resartico, mentre alle famiglie con bambini è dedicato il percorso fino al sasso del Diavolo, accompagnato dalla narrazione delle leggende locali.

Se dopo la vostra visita di Resiutta aveste ancora del tempo disponibile, vi consigliamo di recarvi a vedere i paesi vicini di Pradis di Sopra e Pradis di Sotto, Venzone, Tolmezzo, Pontebba e Tarvisio.

Per chi è alla ricerca di un luogo dove godere di un soggiorno tranquillo e sereno, Resiutta potrebbe essere la destinazione ideale. Il territorio di questo comune, come si è visto, offre diversi spunti per il turista che voglia scoprirlo sotto l’aspetto culturale, tradizionale e naturalistico.

Se ci siete già stati, potrete lasciarci un commento sulla vostra esperienza, che potrà essere utile anche per i prossimi visitatori.