Il centro di Margherita Hack per la salvaguardia dei colibrì

Centro Colibrì di Margherita Hack
Centro Colibrì di Margherita Hack presso il centro commerciale Città Fiera

Il Centro Colibrì di Margherita Hack, che ha sede in un piano interrato del centro commerciale più grande del Friuli Venezia Giulia, il Città Fiera di Martignacco (Udine), è un’Istituzione Scientifica volta alla salvaguardia dei colibrì.

La storia e gli obiettivi del Centro Colibrì

Il Centro Colibrì nasce alla fine degli anni Novanta all’interno delle Serre Imperiali del Parco del Castello di Miramare di Trieste, per volere di Margherita Hack, ambientalista e animalista da cui il centro prende il nome, e di università, associazioni ambientalistiche e altri appassionati, i quali furono i primi a voler realizzare un allevamento di colibrì al fine di proteggerli dall’estinzione. Tra questi il Professore K. L. Schuchmann, il più importante esperto di colibrì.

Verso la fine del 2013, il centro fu trasferito, su richiesta della stessa Margherita Hack, nell’attuale sede, dotata di laboratori sviluppati tecnologicamente, aule di ricerca e una vera e propria foresta tropicale. Si tratta di un’area di 900 mq in cui potrai entrare a contatto con colibrì, ma anche con farfalle, pappagalli, formiche e bradipi, vivendo così un’esperienza unica.

Lo scopo del centro, dedicato alla tutela di questa straordinaria specie volatile e alla diffusione dell’idea di biodiversità, è con più precisione quello di studiare la vita, le tecniche di salvaguardia e le modalità di riproduzione dei colibrì, di cui dirò di più nel prossimo paragrafo.

Per ottenere questi risultati, i colibrì del centro di Margherita Hack stanno sotto osservazione e sono studiati 14 ore al giorno.

I colibrì: dei piccoli uccelli dalle grande capacità cognitive e di volo

I trochilidi, conosciuti più comunemente come colibrì, sono una famiglia di uccelli che comprende 342 specie. Essi sono degli uccelli di piccole dimensioni, e dal peso di pochi grammi, che conducono vite estremamente dispendiose dal punto di vista energetico, sia a causa del loro rapido battito d’ali (che può arrivare fino a settantacinque colpi al secondo) sia per i “voli d’amore”, voli frenetici e pieni di picchiate e zigzagamenti che questa specie fa per attirare le compagne.

Definiti nettavivori, perché si nutrono di nettare, i colibrì, per riuscire a compiere questi loro “derby aerei”, devono attingere a centinaia di fiori al giorno, fiori che raggiungono grazie a delle particolari capacità cognitive: i colibrì riescono a registrare la posizione di un fiore all’interno di un campo privo di qualsiasi tratto distintivo visitandolo solo una volta e per pochi secondi. E ritrovano quel punto, anche se quel fiore non c’è più!

Le loro prestazioni di volo sono eccezionali: grazie alla struttura muscolo-scheletrica, i colibrì possono battere le ali in tutte le direzioni, e sfruttare sia il volo stazionario sia, unici tra gli uccelli, il volo all’indietro. Il loro modo di volare li rende simili addirittura ad alcune farfalle di medie e grandi dimensioni.

I colibrì sono uccelli fortemente legati al loro territorio, che difendono addirittura con aggressività. Essi perlopiù proteggono le loro fonti di nutrimento così difficili da ottenere.

La distribuzione di questa specie di volatile è poco omogenea, ma i principali luoghi di diffusione sono il Nord e Sud America, l’Alaska e le Isole dei Caraibi. Le specie più conosciute sono quelle che si concentrano nella foresta amazzonica sudamericana, zona dal clima umido e dunque ricca di flora.

Altre curiosità e informazioni utili

Per concludere, si può sottolineare la scelta di creare un centro di questo tipo al colibrì non è dettata semplicemente dalla simpatia dei suoi fondatori per questo magnifico volatile. Questi piccoli uccelli dalla provenienza sudamericana coprono l’85% dell’impollinazione della vegetazione di quel continente: la loro estinzione comporterebbe la desertificazione di quell’area, e dunque gravi conseguenze per tutto il Pianeta Terra!

Dunque durante la vostra visita al centro commerciale Città Fiera, con e per i vostri bambini fate un salto al Centro Colibrì di Margherita Hack. La sottoscrizione della tessera associativa presso il Centro è un piccolo contributo che ti permetterà sia di accedere al centro sia di fare un piccolo passo in avanti verso la strada della salvaguardia della flora e fauna del nostro pianeta.

Il Centro Colibrì di Margherita Hack si trova nel
Centro commerciale “Città Fiera”

Via A. Bardelli, 4 (Udine)

Orari visite

lunedì e martedì 14:00 – 20:00

mercoledì: chiuso

giovedì e venerdì: 14:00 – 20:00

sabato e domenica: 10:45 – 20:00