Maria della Torre e Tasso ed il poeta Rilke

Maria della Torre e Tasso ed il poeta Rilke
Maria della Torre e Tasso ed il poeta Rilke (foto da internet)

Maria Hohenlohe-Waldenburg-Schillingsfürst (1855-19531) figlia del principe Egon e di Therese, contessa di Thurn Hofer Valsassina, nel 1875 sposa un lontano cugino Alex von Thurn und Taxis.

Donna di grande cultura e ampie vedute è appassionata di musica, letteratura, arte. Lei stessa dipinge, si dedica alla scultura e scrive. Il pronipote Carlo la ricorda attraverso i racconti del padre che l’amava e la descriveva come bellissima, materna, fedele nell’amicizia. La bisnonna Maria, nei suoi scritti, parlava di Duino e della sua storia, rendendo contagiosa la sua affezione al castello, spesso aperto ad ospiti illustri come D’Annunzio, la Duse, Rudolf Kassner e naturalmente il poeta Rainer Maria Rilke.

Rilke è accolto a Duino la prima volta nel 1910. Nel 1911 in aprile il poeta viene ospitato da Maria a Venezia; il 25 Luglio arriva a Lautschin dove trascorre l’estate, ritorna a Parigi in macchina con la principessa Maria attraverso la Germania, facendo una sosta a Weimar. Maria va in Inghilterra, lascia macchina ed autista a Rilke che si reca a Duino dove trascorre l’inverno. Qui compone le prime due poesie della raccolta “Elegie Duinesi”, pubblicate in seguito nel 1922.

Ne 1914 il poeta è ancora a Duino ma scoppia la Prima Guerra Mondiale e decide di trasferirsi a Monaco.

Maria stima Rilke, di lui scrive:” penso con gioia e malinconia a quell’autunno molto bello in cui potei godere della presenza del nostro amico. Penso che anche per lui sia stato un periodo di serenità e di tranquillità”. Maria lo aveva scongiurato di vivere a Duino secondo i suoi desideri. Nel 1916 Maria decide di fermarsi due mesi a Trieste per essere vicina al figlio Pascha che si trovava su quel fronte e dal suo albergo assiste al bombardamento ed alla distruzione del Castello di Duino.

S’incontra ancora con Rilke varie volte: nel ‘16 a Vienna dove il poeta svolge il servizio militare, nel ‘20 a Venezia, nel ‘22 a Sierre e nel ‘23 ancora a Sierre. Nel 1924 è Rilke che fa visita alla principessa malata a Graz.

Nel 1926 Maria spera di ospitarlo a Roma ma riceve un telegramma da Kassner che le annuncia la morte del poeta Rilke avvenuta il 29 Dicembre.

Rilke resta uno dei grandi poeti in lingua tedesca. Fra le sue opere più importanti:

  • Leben und Lieder, canto d’amore dell’alfiere Christoph Rilke;
  • Libro d’Ore;
  • I quaderni di Malte Laurids Brigge;
  • Elegie Duinesi;
  • I sonetti ad Orfeo.