Il Castello Canussio a Cividale del Friuli

Castello Canussio

Il Castello si trova in pieno centro a Cividale del Friuli lungo le antiche mura urbane di epoca romana.

Un po’ di storia

Dal XII secolo la famiglia dei guelfi Canussio divenne padrona del complesso architettonico del Castello – rinominato poi dei Canussio: il più ampio complesso architettonico civile di epoca tardo antica della regione. La famiglia Canussio fu la proprietaria fino all’Ottocento quando venne ceduta ad un barona austriaco e ricostruita in stile neogotico, con torrette quadrate e rotonde e coronamenti con merli ghibellini.
Le mura, incorporate nel Castello tardo-medievale del VI-VIII sec d.C., rendono il Castello ancora più suggestivo ed affascinante.
Dagli anni ‘90 dello scorso secolo, il Castello venne riacquistato dei discendenti dei Canussio.

Oggi…

Il Castello di Canussio è certamente un sito di interesse storico, culturale e archeologico tra i più importanti della regione Friuli Venezia Giulia.

La fortezza di Cividale del Friuli ben conservata e restaurata, vi si trovano anche resti romani e rinascimentali che si possono ammirare dalla pavimentazione trasparente percorribile.

La zona archeologica è parte integrante del Museo Archeologico Nazionale di Cividale.

Le attività al Castello

Il Castello di Canussio è un posto fantastico dove si organizzano congressi, eventi su prenotazione, culturali e musicali. Inoltre si organizzano anche visite guidate con degustazione di prodotti tipici locali in un contesto assolutamente rurale. Per trascorrere una giornata da favola infine, all’interno del Castello si organizzano anche matrimoni con la possibilità per gli sposi di pernottare nella camera della torre castellana.

Il sito è il punto d’inizio del percorso UNESCO dedicato al misterioso popolo longobardo che in queste zone e in tutto il territorio italiano hanno lasciato tracce indelebili.

Casa Canussio è anche sede della Fondazione di studi storici e latini dedicata all’umanista e storico Niccolò Canussio, autore del De Restitutione Patriae.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui