Museo del Legno e della Segheria Veneziana: ecco perché visitarlo

Museo del Legno e della Segheria Veneziana
Museo del Legno e della Segheria Veneziana

Il complesso di Aplis tra natura e storia

A pochi minuti da Ovaro, sorge un complesso turistico ambientale che si articola intorno all’antica Segheria di Aplis. Quest’area di grande interesse naturalistico e culturale attrae tantissimi vacanzieri che visitano la Carnia e vogliono scoprirne gli aspetti più insoliti e meno conosciuti. Sei pronto a fare un tuffo nella cultura storica di questo territorio di montagna? Oltre a visitare la segheria, potrai esplorare un intero complesso di edifici e conoscere una tradizione antica e di grande fascino.

Perché visitare il Museo del Legno e della Segheria Veneziana?

Una visita al Museo del Legno e della Segheria Veneziana rappresenta un vero e proprio viaggio nel tempo che ti condurrà nel Settecento, alla scoperta della vita e del lavoro degli operai. Oltre al visitare la segheria veneziana, potrai esplorare il Museo Naturalistico con i suoi laghetti e le sue risorgive: un’occasione perfetta per conoscere meglio la fauna locale e ammirare da vicino i cervi e i daini. Immerso nelle bellezze naturali della Carnia, ti imbatterai in orti, fornaci e altri luoghi caratteristici intorno ai quali ruotava la vita di chi lavorava in segheria. Il complesso di Aplis, al tempo stesso, costituisce un punto di partenza ideale per organizzare piacevoli escursioni nel verde.

Curiosità: cosa ne sai della sega veneziana?

La segheria di Aplis affonda le sue radici nel 1700, epoca in cui le zone boschive iniziano a essere sfruttate per ricavarne il legno. Questa segheria, inaugurata nel 1755 da Zuane Crosilla Toscano, andò ad aggiungersi alle altre dieci o undici già presenti sul territorio. Il progetto prevedeva la costruzione di due segherie e di altri edifici, quali la stalla e il mulino. Come la maggior parte delle segherie della Carnia, anche quella di Aplis adottò il modello veneziano. Una ruota idraulica veniva utilizzata per azionare il telaio della sega e il carro sul quale venivano posizionati i tronchi: il movimento verticale della lama e quello orizzontale del carro consentivano di ottenere con facilità le tavole di legno.

La storia e le tecniche della segheria veneziana ti hanno incuriosito? Non ti resta che visitare questo complesso appartenente al circuito di Carnia Musei e approfittarne anche per esplorare i dintorni della zona.

Comments are closed.