Il busto ritratto di Kajetan Schnablegger

Kajetan Schnablegger
Il busto di Kajetan Schnablegger - Tarvisio

Attualmente Tarvisio è una cittadina fortemente votata al turismo, attività che ha iniziato a far parte dell’economia locale a partire dall’Ottocento. Il busto ritratto di Karjetan Schnablegger, situato nel giardinetto di via della Stazione a Tarvisio, costituisce il tributo della comunità ad un uomo che è considerato un pioniere nell’ambito della promozione turistica del territorio.

Kajetan Schnablegger (1843 – 1894) nacque a Weissenfels (Fusine in Val Romana) da Leopold Schnablegger, industriale proprietario della miniera di piombo e zinco a Raibl (Cave del Predil). Alla morte del padre, nel 1876, Kajetan ne rilevò l’azienda, diventando uno dei personaggi più in vista dell’intera Val Canale. Si stabilì a vivere a Tarvisio Bassa con la moglie e, successivamente, i quattro figli, e fu proprietario di terreni, malghe, boschi, edifici e dei migliori alberghi dell’Ottocento della zona.

Personaggio politico di spicco (fu sindaco per molti anni di Tarvisio, e consigliere regionale della Carinzia) e animatore di varie associazioni locali, Kajetan Schnablegger è ricordato principalmente per il suo impegno nel campo della promozione del turismo d’élite in Val Canale. È a lui, infatti, che si attribuisce l’introduzione di pratiche innovative per l’epoca quali l’installazione di bagni e docce d’acqua solforosa nel Palazzo Veneziano di Malborghetto (allora sede di un albergo di sua proprietà) e le cure per i clienti con metodi naturali (bagni con aghi di pino, cura del fieno, eccetera). Elaborò, inoltre, percorsi turistici nel Tarvisiano, che per primo pubblicizzò attraverso depliant distribuiti nelle sue strutture alberghiere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.