Spiritualità e natura convivono in armonia nel Tempio Buddista di Polava

Tempio Buddista di Polava
Tempio Buddista

Incamminandosi verso le tipiche case dai muri in sasso con le tegole in coppo che ospitano il Tempio Buddista si inizia già a percepire un cambiamento interiore, come se la cordiale serenità dei monaci avesse nel tempo contagiato anche il luogo dove dimorano.

D’altronde, la location non potrebbe essere migliore: è situato in un’amena frazione del comune di Savogna nelle Valli del Natisone, all’estremo confine orientale del Friuli-Venezia Giulia, dominata dall’imponente monte Matajur e incastonata fra boschi dalla memoria centenaria.

Tempio Buddista Cian Ciub Ciö Ling di Polava: lontano dalla frenesia, vicino alla saggezza

Fu Sua Santità il Dalai Lama in persona a dare al Centro Buddista il nome di Cian Ciub Ciö Ling, ossia “Luogo di illuminazione del Dharma”. E sarebbe difficile trovarne uno più appropriato: fra i tradizionali ballatoi in legno scuro che si affacciano dalle tre case adibite a Tempio, i muri e le scalinate in pietra, i meravigliosi Mandala Sacri e la florida natura che contribuisce disegnando i contorni di un paesaggio che pare fatato, ci si sente davvero ad un passo dall’illuminazione.

A colloquio con i monaci del futuro Tempio Buddista, S. S. il Dalai Lama si raccomandò di “non abbellirlo troppo, ma dare più spazio alla raccolta di libri di Dharma”, così oggi è possibile attingere dalla preziosa biblioteca per arricchire il proprio percorso spirituale ed avvicinarsi, tra letture e contemplazione, alla saggezza. In essa si trovano libri di ogni tradizione religiosa, come da espressa indicazione del Dalai Lama.

L’accoglienza dei monaci, tra corsi di yoga e incontri di meditazione

Per quanto si possa essere preparati alla cortese accoglienza degli ospiti, quella riservata ai visitatori del Tempio Buddista di Polava riesce sempre a lasciare un segno indelebile in chi decide, per ricerca spirituale o per semplice curiosità, di sostare al Monastero.

L’inesauribile, sereno, sorriso dei monaci tibetani riempie di un senso profondo il significato della parola “accoglienza”, che va al di là delle professioni religiose e credenze: è piuttosto consapevole accettazione della vita e dei suoi misteri e incrollabile fiducia nel fatto che ognuno di noi, attraverso le sue scelte e azioni, è artefice del proprio destino.

Non mancano le occasioni per approfondire la conoscenza di questa affascinante filosofia, attraverso corsi di Yoga Pranayama e giornate dedicate alla condivisione meditativa condotte da Plinio Benedetti, che assieme a sua moglie dirige il Centro.

Sia i corsi di yoga che gli incontri di meditazione che si svolgono al “Centro per lo sviluppo della saggezza” di Polava sono aperti a tutti, ma è richiesta la prenotazione telefonica, in quanto i posti sono limitati (il Centro può ospitare fino a una sessantina di persone).

Calcola il percorso per arrivare al Tempio Buddista  Cian Ciub Ciö Ling di Polava