La Pieve dei Santi Ilario e Taziano di Enemonzo

Pieve dei Santi Ilario e Taziano
Pieve dei Santi Ilario e Taziano

La Pieve dei Santi Ilario e Taziano a Enemonzo fa parte delle antiche Pievi della Carnia. È stata rimaneggiata nel XVIII secolo. In essa troviamo perlopiù opere d’arte ottocentesche del pittore Udinese Valentino Marani: La Crocifissione del 1980la Beata Vergine del Rosario e San Domenico. Sono ottocenteschi anche la Via Crucis di Antonio Taddio da Raveo e gli affreschi di Domenico Fabris di Osoppo: Resurrezione (1855) e Cristo nell’orto degli ulivi (1856). Pregevole il dipinto con la Discesa dello Spirito Santo e I Santi Ilario e Taziano, attribuito al pittore Vicentino Alessandro Maganza.

Questa Pieve sorge nell’abitato di Enemonzo sull’antica via che percorreva la Valle del Tagliamento. L’intitolazione ai Santi Ilario e Taziano, Vescovo e Diacono, Protomartiri aquileiesi, è tipica del secolo XI.

A causa del terremoto del 1700 l’edificio viene seriamente danneggiato e la sua ricostruzione viene affidata al capomastro Luca Milanese di origine friulana che mantiene intatta solo la torre campanaria. Il completamento avviene nel 1733. L’interno è costituito da tre navate e un’abside quadrata.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.