Il lago di Barcis e le sue mille sfumature di verde

Lago di Barcis
lago di Barcis

Incastonato come una perla nel cuore della ridente Valcellina, il lago di Barcis accoglie i visitatori ammaliandoli a prima vista con le sue acque verde smeraldo, incorniciate dai boschi lussureggianti di abeti e faggi che offrono uno spettacolo incantevole in ogni stagione.

Qui è davvero possibile perdersi per ritrovare sé stessi, in un affascinante viaggio di benessere per il corpo e la mente!

Lago di Barcis: una natura tutta da scoprire

È facile restare incantati approdando a Barcis, colpiti dalle costruzioni in legno e sasso che si inerpicano tra i vialetti delle tipiche borgate.

I pensieri si interrompono, per ammirare un paesaggio che pare aver trovato il modo per fermare il tempo e viene spontaneo immaginare come sarebbe vivere in un posto così, aprendo ogni mattina gli scuri di fronte alla bellezza della natura.

E poi c’è il lago, con le sue acque placide e misteriose, circondato dal sentiero pedonale che vale la pena percorrere fino in fondo per non perdersi nemmeno uno scorcio di questa scenografia.

Per scoprire di più su questo peculiare ambiente è vivamente consigliabile una sosta al Centro Visite della Riserva Naturale della Forra del Cellina, comodamente raggiungibile attraversando il terrapieno di Ponte Antoi che valica il lago.

Il Centro ospita mostre tematiche permanenti che illustrano le specie floro-faunistiche presenti e le caratteristiche specifiche dell’habitat lacustre.

Camminare tra acqua e boschi lungo il sentiero del Dint

Scegliere di dedicare una giornata ad esplorare il lago di Barcis e i suoi dintorni significa ritagliarsi un prezioso spazio di relax nel verde.

Quale modo migliore per farlo se non quello di intraprendere una piacevole avventura addentrandosi tra la rigogliosa vegetazione che circonda il lago? Dal Centro Visite è possibile incamminarsi, per circa 3 chilometri e mezzo, lungo il suggestivo sentiero ad anello del Dint alla scoperta degli angoli più sorprendenti della Forra del Cellina, godendo di prospettive insolite sullo specchio d’acqua.

Diversi sono i punti belvedere disseminati attraverso il percorso: tra sentieri immersi nella faggeta e passerelle che scavalcano il torrente, le vedute panoramiche saranno vero nutrimento per gli occhi e il cuore!

Foresta Regionale del Prescudin: tappa obbligatoria per gli escursionisti più appassionati

La nostra gita attorno al lago di Barcis continua con una meta imperdibile per tutti coloro che amano la natura in tutte le sue sfaccettature: nella Foresta Regionale del Prescudin la vita selvaggia pulsa di infinite specie animali e vegetali.

Con i suoi dieci percorsi, questa riserva naturale offre sia agli escursionisti più preparati che a coloro che preferiscono le passeggiate meno impegnative la possibilità di contemplare un paesaggio quantomai ricco e vario. Tra l’erba punteggiata di cicerchioni e gigli rossi, non sarà difficile scorgere caprioli, volpi, scoiattoli e, per i più fortunati, la timida lepre alpina o il gallo cedrone.

Alzando gli occhi al cielo, cercate con lo sguardo di riconoscere alcuni rapaci come la poiana, lo sparviero o qualche solitaria aquila reale che non di rado sorvola maestosa queste terre ancora incontaminate.

Alcune informazioni sul Lago di Barcis

La superficie del lago di Barcis è di 0,98 km2, con una superficie del bacino imbrifero di 392 km2 ed un volume 13,59 milioni di Sm³. Si trova ad un’altitudine di 402 m SLM e la sua profondità massima arriva a 45 m.

Comune di Barcis: comune.barcis.pn.it

Come arrivare sul Lago di Barcis

Strada Lungo Lago, 33080 Barcis PN

Calcola l’itinerario