Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Domenica 1 Luglio tra i musei gratuiti Triestini (scopri quali)

1 luglio 2018 dalle 9:00 alle 18:00

Domenica 1 Luglio tra i musei gratuiti Triestini (scopri quali)

Seguiteci con un like Trieste Eventi

Aiutaci a PROMUOVERE l’evento!
Dopo che hai confermato la tua partecipazione, vai all’opzione “Condividi” in alto a destra e clicca su “invita amici”, seleziona chi tra i tuoi amici pensi possa essere interessato all’evento. Poi clicca su “Condividi” e pubblica l’evento sulla tua bacheca o passa parola.
GRAZIE!!!”

Il Castello di Miramare
Il Castello di Miramare, circondato da un rigoglioso parco ricco di pregiate specie botaniche, gode di una posizione panoramica incantevole, in quanto si trova a picco sul mare, sulla punta del promontorio di Grignano che si protende nel golfo di Trieste a circa una decina di chilometri dalla città.
Voluto attorno alla metà dall’Ottocento dall’arciduca Ferdinando Massimiliano d’Asburgo per abitarvi insieme alla consorte Carlotta del Belgio, offre la testimonianza unica di una lussuosa dimora nobiliare conservatasi con i suoi arredi interni originari.

L’ACCESSO AL PARCO È GRATUITO

—————————————————————————————-

Il museo “Casa di Osiride Brovedani”

Il museo “Casa di Osiride Brovedani” è un luogo della memoria atto a svelare e approfondire la figura del “signor Fissan”, imprenditore e benefattore italiano, uomo dalla complessa personalità, non facile da comprendere e conoscere. Una ricca e appassionante biografia lo vede galoppino e tuttofare al Piccolo, poi correttore di bozze e critico d’arte, fino all’attività imprenditoriale avviata nel 1930 con la produzione e commercializzazione della Pasta di Fissan. Nel luglio del 1944 venne arrestato e rinchiuso nelle carceri del Coroneo per l’origine semitica della madre, e pochi giorni dopo fu deportato in Germania dove lo attendevano i campi di concentramento di Buchenvald, Dora, Belsen. Una vicenda umana ricca di spunti di riflessione e slanci di solidarietà e altruismo.
Da vistare per conoscere la vita di uno dei benefattori della città, le cui vicende personali e imprenditoriali si intrecciano con la storia della Trieste del Novecento e per scoprire quanto lontano si può andare quando si crede in se stessi e nella forza delle proprie idee.
In via Alberti 6, all’incrocio con via San Marco (fermata del bus n. 29).
Aperto domenica 6 maggio dalle 10 alle 13.
Orari compleeti su www.fondazionebrovedani.it
Ai visitatori, in regalo la borsa del museo contenente alcune pubblicazioni tra cui il diario della prigionia “Da Buchenwald a Belsen”.

———————————————————————————-

Duino Aurisina (TS) – loc. San Giovanni al Timavo

Chiesa di San Giovanni in Tuba

La chiesa costituisce un notevole esempio di stile gotico e fu costruita per volere dei conti di Walsee, signori di Duino, tra il 1399 e il 1472; l’edificio fu gravemente danneggiato durante le guerre mondiali e ricostruito alla fine degli anni Quaranta. La planimetria a navata unica è caratterizzata dall’abside poligonale, retta da robusti contrafforti a spiovente; in essa si aprono 5 finestre a doppia lunetta trilobata. Nello stesso suggestivo sito, in vicinanza delle risorgine del fiume Timavo, in precedenza si trovava un tempio pagano, di cui rimangono testimonianze epigrafiche, riutilizzate negli edifici successivi e tuttora visibili nell’area. Il luogo fu poi occupato da una basilica paleocristiana, i cui resti sono conservati nel presbiterio della chiesa attuale: si tratta di lacerti di mosaico del V secolo d.C. con elementi geometrici ottagonali, motivo ricorrente pure in analoghe strutture ad Aquileia e nel Battistero di Grado. Ad età paleocristiana e alto-medievale risalgono anche elementi di arredi in marmo visibili nella chiesa. Il toponimo “Tuba” deriva forse da tumba, in considerazione delle lapidi rinvenute presso il sito, o dal vocabolo latino tuba che designa un condotto naturale o artificiale delle acque, in relazione al vicino fiume sotterraneo.

Indirizzo: Duino Aurisina, località San Giovanni al Timavo (visualizza in Google Maps©)

Ingresso: gratuito

Orario: 10.30-16.30 (orario invernale); 9.00-19.00 (orario estivo)

————————————————————————————–

Duino Aurisina (TS) – Grotta V.G. 4024
Grotta del Mitreoflagge-grossbritannien
grottaMitreo

Sulle pendici del monte Ermada è visitabile una grotta carsica frequentata già dal Neolitico e adattata in età romana (dal II al V secolo d.C.) a luogo di culto del dio Mitra. Il mitraismo è una religione salvifica (ovvero basata sull’esistenza di una vita dell’individuo dopo la morte) di origine iranica ed è legata alla figura di un giovane che sacrifica un toro in onore del dio Sole: questa scena è rappresentata in due rilievi in calcare rinvenuti all’interno della grotta, assieme a un gran numero di monete e lucerne lasciate dai fedeli come offerte votive. Alcuni offerenti erano nominati in iscrizioni qui individuate di cui, come per i rilievi, sono esposti i calchi. È rilevante la collocazione del luogo di culto in vicinanza delle risorgive del fiume Timavo, dove in epoca romana si veneravano il corso d’acqua divinizzato, Diomede e Saturno, in relazione ai quali si ipotizza anche la presenza di un tempio presso l’attuale chiesa di S. Giovanni in Tuba.

Indirizzo: Duino Aurisina – Grotta V.G. 4024 (visualizza in Google Maps©)

Ingresso: gratuito

Orario: ogni sabato dalle 10.00 alle 12.00 oppure su richiesta

ATTENZIONE: Il ritrovo è alle 9.45 alla Stazione della Guardia forestale di Duino (visualizza in Google Maps©).

—————————————————————————————–

Antiquarium di Via di Donotaflagge-grossbritannien
viadonota

L’Antiquarium è costituito da una zona di scavi archeologici, realizzati tra 1980 e 1986 nella zona retrostante il Teatro Romano, e da uno spazio espositivo allestito presso la torre delle mura medievali. Una domus del I secolo d.C. venne riutilizzata, a partire dalla metà circa del II e fino al VI secolo, per finalità funerarie di rito pagano. Rilevante è la presenza di un recinto, che in una prima fase delimitava l’area di sepoltura: la balaustra è realizzata in lastre calcaree e rimangono le fondazioni di un monumento funerario collocato in prossimità della fronte, in posizione preminente verso la strada antica che è ricalcata dall’attuale via Donota. In seguito lo spazio interno e circostante fu sistematicamente utilizzato per l’inserimento di tombe a fossa, a cassa e in anfora (riservate inizialmente soprattutto ai bambini). Sono stati trovati anche elementi, quali una sorta di sedile in pietra, legati probabilmente al rito dell’epulum, un banchetto consumato presso la tomba in onore del defunto. Una saletta è dedicata ai materiali rinvenuti durante lo scavo della domus e del sepolcreto, nonché dell’abitazione individuata nella vicina piazza Barbacan, presso l’arco di Riccardo, risalente alla metà circa del I sec. d.C..

Indirizzo: Trieste, via di Donota (visualizza in Google Maps©)

Ingresso: gratuito

Orario: ogni sabato dalle 10.00 alle 12.00 oppure su richiesta

CHIAMARE PER INFO

—————————————————————————————–

Antiquarium di Via del Seminarioflagge-grossbritannien

Nell’Antiquarium è visibile un tratto delle mura tardorepubblicane, volute da Ottaviano nel 33-32 a.C. per difendere la colonia di Tergeste, arroccata sulla sommità del colle di S. Giusto. Il paramento è attraversato alla base da un canale per il deflusso delle acque provenienti dal fianco dell’altura. All’inizio del II sec. d.C. le mura, ormai defunzionalizzate, servono da struttura di contenimento e di terrazzamento per gli edifici costruiti a monte: qui si vede una vasca pavimentata in cotto, probabilmente impiegata nella lavorazione dell’olio.

Indirizzo: Trieste, via del Seminario (visualizza in Google Maps©)

Ingresso: gratuito

Orario: ogni sabato dalle 10.00 alle 12.00 oppure su richiesta

CHIAMARE PER INFO

——————————————————————————————

TEATRO ROMANO

Il Teatro romano è stato portato alla luce negli anni Trenta del secolo scorso, eliminando le case di epoca medievale che erano sorte sfruttando le sue murature. Restaurato e parzialmente ricostruito, mostra la cavea (gradinata per gli spettatori) che si appoggia al pendio del colle di S. Giusto, l’orchestra ai suoi piedi e parte della scaena, ovvero il palcoscenico con quinte decorate da nicchie in cui erano statue di membri della famiglia imperiale o personaggi notevoli della comunità urbana. Tra essi vi era Quinto Petronio Modesto, procuratore e flamine di Traiano, che all’inizio del II secolo contribuì al restauro del teatro, come si legge dal calco di due iscrizioni gemelle conservata presso l’area archeologica. La prima fase del teatro risale invece all’età augustea.

https://www.facebook.com/events/588847504816676/

Dettagli

Data:
1 luglio 2018
Ora:
9:00 alle 18:00
Sito web:
https://www.facebook.com/events/588847504816676/

Luogo

Trieste
Trieste, Italy

Organizzatore

Trieste Eventi
Email:
noreply@facebookmail.com