San Daniele del Friuli: altri luoghi d’interesse

Casa del Trecento - San Daniele
Casa del Trecento

La Casa del Trecento di San Daniele

La Casa del Trecento è un’antica casa, che sorge in Via Roma. L’edificio resistette ai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale e anche al terremoto del 1976. Una volta restaurato, l’edificio è stato affidato alla sezione locale dell’Associazione Nazionale Alpini.

Portonat di San Daniele del Friuli

Il cosiddetto Portonat venne costruito in sostituzione dell’antico torrione, che si rovinò nel 1511. Il Portonat venne edificato su indicazione del Patriarca con la mediazione di Giulio Savorgnan (1510- 1595), signore di Osoppo.

Portonat di San Daniele del Friuli
Portonat di San Daniele del Friuli

Il Palladio (1508-1580) venne incaricato del progetto, e la costruzione fu iniziata nel 1579 da Andrea da Venzone  e successivamente da Andrea Podaro.

Legato al torrione è il celebre Palio di San Daniele, che si disputava il 28 agosto nelle vicinanze di  questo.

Il Museo del Territorio

Il primo nucleo del Museo può essere considerato il lascito del professor Giuseppe Vidoni (1884- 1951), psicologo sandanielese. Agli inizi degli anni 50 decise di donare a San Daniele il suo patrimonio artistico in modo da poter costituire il museo cittadino.

I beni giunsero in Friuli negli anni 80 e poco dopo il patrimonio museale prese forma, anche grazie ad ulteriori donazioni e grazie agli scavi archeologici nella zona, alla raccolta di materiale etnografico e al deposito conservativo di opere lignee che erano state sottratte dopo il terremoto.

Nel 1978 venne istituito il Museo Civico Comunale, che all’inizio non fu molto notato, e quindi furono spese molte energie cercando di far notare alla cittadina la nascita di un’istituzione culturale.

Nel 1980 fu inaugurato per la prima volta nel palazzo Masetti de Concina, ma questa sede venne poi chiusa nel 1994. Il materiale venne quindi trasferito nell’Ex Ospedale di San Antonio, dove rimase depositato fino al 2004, anno di riapertura del museo. In questi anni ci sono state due mostre di maggiore importanza: “Vincentius et Iusta” e “Vita quotidiana nel castello medievale”.

La Fontana di Piazza Cattaneo

Fontana Piazza Cattaneo
fontana di Piazza Cattaneo

Anche interessante è la fontana di Piazza Cattaneo, una fontana cinquecentesca eseguita su disegno di Giovanni da Udine.