Cose da fare e vedere a Spilimbergo

Il borgo di Spilimbergo e la celebre Scuola di Mosaicisti del Friuli, i piatti tipici del luogo e tutte le informazioni per la visita.

Spilimbergo
Scorcio di Spilimbergo

Se state pianificando un viaggio nel cuore del Friuli, nel vostro itinerario non potrà sicuramente mancare una visita a Spilimbergo. Situata sulla sponda destra del Tagliamento, nella provincia di Pordenone, si tratta di una cittadina unica per ricchezza storica ed artistica, soprattutto per le epoche Medievale e Rinascimentale.

In questa breve ma completa guida turistica potrete trovare delle preziose indicazioni su cosa vedere a Spilimbergo e dintorni in giornata.

Una passeggiata per Spilimbergo: cosa vedere

L’asse viario principale di Spilimbergo è costituito da Corso Roma, che attraversa il centro storico secondo l’asse est-ovest. Percorrendo la via da ovest, si incontra la torre occidentale, che costituiva l’ingresso al Borgo Nuovo e la cui cinta muraria, la terza della città, è oggi scomparsa. Proseguendo si incontra il Palazzo Monaco e si arriva in Piazza Garibaldi, centro della città, a sud della quale si trovano la chiesa di San Giuseppe e Pantaleone e quella dedicata a San Giovanni. Proseguendo oltre sulla stessa via si giunge alla torre orientale, adiacente alla quale si trova la cosiddetta Casa Dipinta, un edificio con affreschi del XVI secolo.

Corso Roma
Corso Roma

Corso Roma termina in piazza Duomo, delimitata dal Duomo stesso a sud, dal Palazzo de Daziaro a ovest, e dalla Loggia della Macia a nord, così chiamata perché conserva il campione dell’unità di misura anticamente usata per gli scambi commerciali, detta appunto “macia”. Dalla piazza è possibile accedere al Castello, situato ad est della città sul fiume Tagliamento, di antiche origini ma ricostruito a seguito di un incendio nel XVI secolo con forme medievali. A nord del castello trova sede il Palazzo di sopra, attualmente sede del municipio, e tra i due, a fianco della strada che scende verso il greto del fiume, la Chiesetta dell’Ancona.

Cosa vedere a Spilimbergo e dintorni

  • Torri Occidentale e Orientale
  • Castello di Spilimbergo
  • Piazza Duomo
  • Duomo di Spilimbergo (chiesa di Santa Maria Maggiore)
  • Palazzo de Daziaro
  • Loggia della Macia
  • Casa Dipinta
  • Palazzo Tadea
  • Chiesa di S. Nicolò a Tauriano
  • Chiesa di S. Croce a Baseglia
  • Castello di Pinzano
  • Villa Carnera, Sequals

La scuola di mosaicisti di Spilimbergo e la Rievocazione storica della Macia

Spilimbergo è nota per essere la sede della Scuola Mosaicisti del Friuli, conosciuta a livello internazionale. Fondata nel 1922, essa insegna ai propri studenti le tecniche musive romana, bizantina e moderna, senza tralasciare le possibilità espressive concesse dall’arte contemporanea.

Scuola Mosaicisti del Friuli
Scuola Mosaicisti del Friuli

Infine ogni anno, nel mese di agosto, in città si tiene la rievocazione storica della Macia (così denominata dall’unità di misura locale tuttora conservata nella loggia omonima in piazza Duomo): in questa occasione si possono visitare mercati artigiani e antiche taverne, e assistere ad animazioni di strada e spettacoli in costume.

Cosa mangiare a Spilimbergo

La cucina tipica di Spilimbergo ha come caratteristici alcuni piatti friulani delle zone confinanti come la pitina, polpetta tipica della valle di Tramonte, la balote, uno gnocco di polenta farcita con un formaggio piccante, tipica della vicina Val Cosa, e l’asino, un formaggio salato a pasta fresca ideale da mangiarsi con la polenta.

pitina
La pitina

Propriamente caratteristiche della città sono le trippe e il baccalà, oltre al cosiddetto “Dolce di Spilimbergo”, un dessert dal sapore delicato fatto con una sfoglia leggera e un cuore di crema di mandorle.

Pregiati sono anche i vini prodotti nella zona, sia da uve locali (il Merlot, il Cabernet, il Tocai Friulano ed il Refosco dal Peduncolo rosso), sia da quelle collinari (lo Scjaglìn, l’Ucelùt, il Forgjarìn, il Piculìt Neri e il Cividin).

Se avete ancora del tempo residuo, nei dintorni di Spilimbergo consigliamo una visita nelle frazioni di Tauriano e Baseglia, dove si trovano costruzioni ecclesiastiche di grande interesse, e nei vicini paesi quali Travesio, San Daniele del Friuli, Sequals, Valvasone, e San Vito al Tagliamento.