Cosa fare e vedere a Meduno

I siti d’interesse turistico di Meduno, le manifestazioni, la cucina tipica e tutte le informazioni per la visita

meduno
Panoramica del borgo di Meduno

All’imbocco della Val Meduna, ad un’altitudine di 313 metri sul livello del mare, il paese di Meduno è una meta turistica d’interesse storico ed escursionistico. Il comune è composto, oltre che dal capoluogo, dalla frazione di Navarons (nota in particolar modo per i moti risorgimentali del 1864) e da varie borgate di altitudine compresa tra i 300 e i 555 metri: Avon, Ciago, Cilia, Costa, Del Bianco, Mizzeri, Pitagora, Romanis, San Martino, Sottomonte e Valle.

Se avete intenzione di fare una vacanza nella zona, in questo articolo potrete trovare tutte le informazioni essenziali su cosa vedere a Meduno nell’arco di una giornata, e qualche consiglio sui numerosi luoghi d’interesse naturalistico nei suoi dintorni nel caso di permanenze prolungate.

I monumenti e i percorsi d’interesse naturalistico di Meduno e dei suoi dintorni

Il paese di Meduno nacque nel Medioevo su un territorio già precedentemente abitato, di cui sono state trovate tracce sin dall’epoca preistorica. Una delle più antiche testimonianze della presenza di società umane nella zona è la “Piera da l’aga” (pietra dell’acqua) di Ciago, un grosso blocco di pietra interpretabile, probabilmente, come ara sacrificale di una popolazione veneta o carnica.

Tra gli edifici storici più importanti del capoluogo spicca senza dubbio il castello di Meduno, costruito nel 1136 sul colle omonimo dalla famiglia dei Meduno, vassalli dell’imperatore del Sacro romano Impero Germanico. Il fortilizio, di cui oggi rimangono poche strutture, è stato recentemente sottoposto a un intervento di restauro e valorizzazione e, nel contesto di questi lavori, a un’attenta indagine archeologica (zona nord) che ha permesso di evidenziare l’esistenza di cinque fasi di vita del castello, comprese tra la prima metà del XII secolo sino al XVII. Altro edificio civile rilevante di Meduno è palazzo Colossis (XVI-XVIII), anticamente abitazione della famiglia omonima ed ora, ormai da anni, adibito a sede di uffici del Comune e della Comunità montana.

Per quanto riguarda invece le architetture religiose, le principali sono la Chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore, di antica fondazione ma rifatta nel 1830 e massicciamente restaurata dopo il terremoto del 1976, di stile neoclassico e con all’interno opere di Giovanni Antonio Pilacorte e Gian Battista Piazzetta; la chiesetta di San Martino, lungo la strada comunale che conduce sul monte Valinis, attribuita al XII secolo e del cui aspetto romanico conserva le linee architettoniche principali nonostante rimaneggiamenti successivi; e la chiesetta di San Pellegrino a Navarons, nella forma attuale risalente al XVIII secolo.

Da non perdere, nella frazione di Navarons, è il Museo del Risorgimento Casa Andreuzzi, dedicato ai moti risorgimentali che qui ebbero luogo nel 1864 e in particolare ai patrioti protagonisti degli eventi Antonio e Silvio Andreuzzi.

Oltre ai siti rilevanti sotto il profilo storico e culturale, Meduno è una meta ideale per gli amanti del turismo naturalistico: da qui, infatti, si possono agevolmente raggiungere percorsi pedonali e ciclabili di grande bellezza tra le valli Meduna, Còlvera, del Muiè e Tramontina. Di particolare interesse è l’itinerario verso la “Forchia Piccola” di Meduno, da cui si può poi proseguire verso il Monte Valinis (m. 1102), meta di primo piano per gli appassionati di parapendio e dalla cui cima si può godere di uno spettacolare panorama.

Cosa vedere a Meduno e dintorni

  • Castello di Meduno
  • Chiesa parrocchiale di Santa Maria Maggiore
  • Chiesa di San Martino
  • Oratorio della Santissima Annunziata
  • Palazzo Colossis
  • Le borgate
  • “Forchia piccola” di Meduno
  • Chiesa di San Pellegrino a Navarons
  • Museo del Risorgimento Casa Andreuzzi a Navarons
  • Chiesa di San Bartolomeo a Ciago
  • Grotte di Pradis
  • Castello di Toppo
  • Castello di Maniago
  • Biotopo torbiera di Sequals

Le tradizioni culinarie di Meduno

Tra i prodotti tipici della zona è in particolar modo da ricordare la pitina (detta anche peta, petina, o petuccia), un prodotto a base di carne molto diffuso nella zona montana pordenonese. Si tratta di un salume anticamente realizzato con carne di selvaggina o ovina tritata, salata e speziata con del pepe, a cui si aggiungeva finocchio selvatico e altri aromi. Il composto veniva poi insaccato o pressato, e quindi affumicato, in modo da poter conservare il cibo nel tempo. Consumabile cruda a fette oppure cotta, soffritta nella cipolla o in accompagnamento a polenta o brodo, la pitina è oggi una vera e propria specialità, recentemente riconosciuta dall’Unione Europea a indicazione geografica protetta (IGP).

Altri prodotti che appartengono alla cucina del territorio, e che quindi ricorrono nelle ricette tradizionali, sono il formaggio Montasio e quello salato, diversi tipi di insaccati, mieli, selvaggina e funghi.

Eventi e manifestazioni a Meduno

I principali eventi che si tengono a Meduno riguardano la sfera enogastronomica: tra questi sono di particolare rilievo la serata di pesce a palazzo Colossis denominata Incozzati a Meduno, nel mese di agosto e in occasione della quale si uniscono i gusti del mare a quelli dei monti.

Un’iniziativa ideale per chi vuole avere l’opportunità di scoprire il territorio in un modo non convenzionale è PASSIparolecamminate in notturna, un progetto gestito dal Consorzio Turistico tra le Pro Loco dello Spilimberghese – ARCOMETA e l’Associazione Lis-Aganis – Ecomuseo delle Dolomiti Friulane. Si tratta di una serie di appuntamenti che interessano diversi paesi del territorio tra giugno e agosto, con l’obiettivo di promuoverne la bellezza attraverso passeggiate sotto le stelle in compagnia di guide esperte. L’evento che si tiene a Meduno si svolge ad agosto e la camminata, adatta a tutti, parte da Palazzo Colossis per poi proseguire per circa due ore.

Se dopo la vostra visita avete ancora del tempo residuo, nei dintorni di Meduno vi consigliamo vedere le caratteristiche borgate nei dintorni del capoluogo, e i paesi vicini di Tramonti di Sopra e Tramonti di Sotto, Sequals, Travesio, Maniago, e Spilimbergo.

Arte, storia, natura: nel caso amiate tutto questo, una visita a Meduno non potrà mancare dal vostro itinerario. Ci siete già stati? Allora non esitate: raccontateci quali sono stati per voi i luoghi più suggestivi, i piatti più buoni, gli eventi più coinvolgenti lasciandoci un commento!