Cosa fare e vedere a Bordano

I luoghi d’interesse storico e paesaggistico di Bordano, gli itinerari naturalistici, le manifestazioni principali e tutte le informazioni per la visita

Bordano
Casa delle Farfalle di Bordano

Conosciuto principalmente come il paese delle farfalle, Bordano è un borgo situato tra i monti Brancot e San Simeone, nel cuore delle Prealpi Giulie. Il comune comprende, oltre al capoluogo, anche la frazione di Interneppo, prospiciente il lago di Cavazzo, che secondo alcuni storici costituisce uno dei primi siti abitativi dell’intera vallata.

Nel caso vi troviate in queste zone, di passaggio o per vacanze più prolungate, in questa guida potrete trovare le informazioni essenziali su cosa vedere a Bordano nell’arco di una giornata.

I monumenti e luoghi d’interesse turistico di Bordano

Gli abitati di Bordano e Interneppo furoro gravemente danneggiati dal terremoto del 1976 come testimoniano, tra gli altri, i loro edifici religiosi: la chiesa di Sant’Antonio Abate a Bordano è stata interamente ricostruita in forme moderne, mentre quella San Martino a Interneppo ha mantenuto originale solo il campanile ottocentesco. Persino la medievale chiesetta di San Simeone, ubicata a oltre 1200 metri di quota sull’omonimo monte, è stata fedelmente ricostruita dopo i danni causati dalla calamità.

L’evento segnò in modo indelebile il territorio, e ad esso nel 2009 (in occasione del 33° anniversario), la Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Valcanale insieme al Comune di Bordano hanno dedicato un’area informativa di divulgazione degi innovativi sistemi tecnici di promozione antisismica, comprendente anche il cosiddetto monumento al Terremoto.

Una delle poche testimonianze storiche è rappresentata da quella che, secondo gli studi dello storico C. G. Mor, sarebbe parte di una antica strada romana, collocata tra Interneppo e Bordano. Il percorso, che oggi si presenta come una mulattiera in parte lastricata, percorre a serpentina il colle Cuel da Crous, esce in un tratto pianeggiane e successivamente si ricongiunge alla provinciale che giunge a Bordano. Si tratterebbe, per lo studioso, di quanto rimane del tracciato antico che, dividendosi dall’asse viario principale, raggiungeva la Carnia attraverso la sella di Interneppo.

Passeggiando per le strade del paese si avrà modo di godere di uno degli aspetti più caratteristici degli abitati odierni di Bordano: numerosissimi murales, soprattutto rappresentanti farfalle, ornano abitazioni, uffici ed edifici istituzionali. Questi vennero realizzati soprattutto a partire dal 1996 su impulso dell’allora sindaco Enore Picco, e talvolta si configurano come vere e proprie opere d’arte.

Ciò che ha reso famoso Bordano dal punto di vista turistico è però, come si è già accennato, la Casa delle Farfalle, un luogo unico in Italia specificatamente dedicato a questi insetti e in attività dal 2003. Nella casa si riproducono ben 400 specie diverse, all’interno di tre grandi serre climatizzate: amazzonica, afro-tropicale e asiatico-australiana. Durante la visita si possono ammirare tutti gli stadi di sviluppo di questi animali, dall’uovo alla farfalla adulta, ma anche le differenze tra le varie specie e altra particolarità. Il museo, inoltre, realizza mostre su temi riguardanti evoluzione, sostenibilità e flora e fauna; e attività per adulti e bambini.

Cosa vedere a Bordano e dintorni

Bordano e i suoi dintorni presentano numerose attrazioni turistiche.  In particolar modo vi  raccomandiamo la visita dei seguenti luoghi d’interesse storico-artistico e naturalistico:

Edifici religiosi

  • Chiesa di sant’Antonio Abate
  • Chiesetta di San Simeone sul monte San Simeone
  • Chiesa di San Martino a Interneppo

Monumenti e opere

  • Murales di Bordano
  • Strada romana
  • Monumento al terremoto
  • Forte di Monte Festa  (Cavazzo Carnico – UD)

Musei

  • Casa delle Farfalle di Bordano
  • Parco Botanico di Interneppo (Ecomuseo della Val del Lago)

Luoghi d’interesse naturalistico

  • Lago di Cavazzo
  • Monte Brancot
  • Monte San Simeone
  • Monte Festa
  • Lago di Cornino

Cosa fare a Bordano: percorsi di trekking tra natura e Grande Guerra

Il territorio di Bordano  è un ottimo punto di partenza per chi ama il trekking e l’osservazione degli animali nel loro habitat naturale.

Tra i percorsi più interessanti e suggestivi spicca il sentiero entomologico, realizzato negli anni 1996-1997 a seguito delle iniziative scientifiche e culturali promosse dall’amministrazione comunale. Si tratta di circuito che inizia dal centro dell’abitato di Bordano e percorre le pendici del monte San Simeone, durante il quale è possibile osservare le varie specie di farfalle che popolano il territorio. I cartelli didattici disposti lungo il percorso guidano i visitatori alla conoscenza della fauna locale e si soffermano in particolar modo sul ciclo vitale della farfalla. In numerosi punti, inoltre, si può inoltre godere di stupendi panorami.

Altri percorsi montani sono la salita al monte San Simeone (1505 metri s.l.m.), durante il quale si incontrano ancone votive dedicate al santo, la chiesetta di San Simeone e il pianoro “Val di Sot” (da cui gli appassionati di volo libero si lanciano col deltaplano o col parapendio); la salita al Forte del Monte Festa (1060 metri s.l.m.), costruzione militare che fu protagonista, durante la prima guerra mondiale, di una strenua resistenza contro le armate austro-tedesche; e la salita al Monte Tre Corni, Palantarins e Brancot (1015 metri s.l.m.).

Un sentiero di minore impegno ma eguale bellezza è quello che permette di percorrere il giro del lago di Cavazzo (il più grande lago naturale del Friuli), della lunghezza complessiva di 8,5 km. Lungo il percorso si può anche visitare il giardino botanico di Interneppo (cellula ecomuseale dell’Ecomuseo della Val del Lago) e lo stagno ecologico, raggiungere il noleggio barche, le scuole da vela e windsurf, i camping e gli spazi dedicati all’atterraggio di parapendii.

Eventi e manifestazioni di Bordano

A Bordano si tengono con cadenza ricorrente numerosi eventi, che costituiscono un importante momento di aggregazione e condivisione per gli abitanti, oltre che un’attrazione per i visitatori.

Tra quelli che affondano le proprie radici nelle tradizioni locali, sono particolarmente frequentate la festa di Sant’Antonio, il 17 gennaio, con chioschi gastronomici, giochi per adulti e bambini e, soprattutto, il tradizionale palo della cuccagna; la festa di San Martino in occasione della quale, la domenica più vicina all’11 novembre (ricorrenza del santo) si allestiscono banchi con prodotti tipici; e la Festa sul San Simeone, la prima domenica di settembre, durante la quale si tiene la messa davanti all’omonima chiesetta d’alta quota, a cui tradizionalmente i fedeli giungevano a piedi.

Tra le manifestazioni più recenti, che animano il paese soprattutto durante l’estate, non possiamo mancare di ricordare Bordano in festa, ad agosto, in occasione della quale un intero fine settimana è vivacizzato da numerosissime attività per grandi e piccini quali dj set, camminate naturalistiche, chioschi enogastronomici, tornei di calcio e pesca; e il suggestivo spettacolo pirotecnico di ferragosto sul lago di Cavazzo, la sera del 14 agosto.

Nel caso abbiate del tempo residuo, nei dintorni di Bordano vi consigliamo visitare le località vicine di Gemona, Venzone, Osoppo, Tolmezzo e Resiutta.

Per gli amanti del turismo a contatto con la natura e delle camminate, Bordano è un vero e proprio paradiso, dove potersi rilassare lontano da luoghi affollati e dai rumori delle città.

Ci siete già stati? Allora raccontateci ciò che vi è piaciuto di più scrivendoci un commento o condividendo una fotografia!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui