Guida sulla neve

guida sulla neve
Guida sulla neve

Intrepidi di sfoggiare il vostro bolide sulle alture del Friuli Venezia Giulia? Non aspettate altro che quella gita promessa alla famiglia, quel viaggio tanto atteso, quella scorribanda di circostanza che male non fa mai? Ma, domanda più importante, il vostro mezzo è davvero in regola per guidare sulla neve? Non si parla solo di pneumatici adeguati o gomme termiche idonee: per prepararsi a qualsiasi evenienza, è importante dotarsi di uno strumento estremamente importante: le catene da neve. Vediamo, insieme, quindi cosa sono, quali leggi statali le regolamentano, come si montano e, soprattutto, quanto bisogna pagare per poter guidare e viaggiare in tutta sicurezza sul territorio regionale coperto dalla splendida neve!

L’obbligo delle catene da neve: guidare in piena tutela

Le catene da neve rappresentano un obbligo giudiziario nell’ambito del contenzioso di guida. Cosa significa? In sintesi, significa che non è sufficiente dotare l’autovettura delle catene da neve, ma è necessario anche montarle e verificare che siano di effettivo supporto ai movimenti svolti dal mezzo stesso. Dotarsi delle catene da neve è, in effetti, obbligatorio per un certo periodo, ossia dal 15 novembre al 15 aprile; circolare in questo periodo senza le opportune dotazioni è considerato illegale in numerose regioni della penisola italiana, fra cui, per l’appunto, la nostra regione. Nel periodo compreso, oltre che alle catene da neve, sottolineiamo la costrizione all’utilizzo di pneumatici invernali, le cui catene da neve rappresentano l’unica alternativa alle gomme termiche omologate dal Codice della Strada.
In particolare, vi è una legge che regolamenta la circolazione delle autovetture attraverso l’impiego di catene da neve, ossia la legge n. 120 del 29 Luglio 2010, ad oggi contenuta nell’articolo 6 del Codice della Strada. L’articolo 6 descrive la circolazione delle vetture fuori dai centri abitati ed in particolare recita quanto segue al quinto punto del quarto paragrafo del sommario: «è d’obbligo prescrivere che i veicoli siano muniti – ovvero abbiano a bordo – mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o ghiaccio». Questa definizione include sia le catene invernali che le gomme termiche presentate in precedenza.

Quanto costano le catene da neve per guidare sulla neve in tutta sicurezza?

Secondo un famoso portale di compravendita di oggettistica varia presente su Internet, la piattaforma Kijiji di proprietà statunitense del gruppo di eBay, le catene da neve in Friuli Venezia Giulia costano, e non poco; eppure, in realtà, i prezzi oscillano in modo più o meno decisivo in base al tipo di mezzo di cui si è provvisti, e dalle più specifiche necessità di percorrenza per le quale s’intende procedere all’acquisto: questo significa che una certa marca di catene da neve sarà più idonea di un’altra per una Station Wagon, mentre per un Minivan o una vettura familiare ne servirà un modello completamente diverso. Alcune caratteristiche delle catene da neve possono accomunare quasi tutti i modelli per facilitare la comprensione all’acquirente o al possibile cliente.

Nello specifico, un paio di catene da neve da 12mm, di marca Koenig, destinata alle auto Golf, costerà sui 35. Invece, una produzione della più pregiata marca Good Year, conosciuta in particolare per la semplicità con la quale permette all’utente di montare le catene da neve sull’autovettura, verrà a costare sui 50€. Inoltre, delle più rare e costose catene da neve del Magic Group Track, perfette e legalmente idonee per virtualmente qualsiasi tratta e percorso, giaceranno su d’un prezzo medio di 170€. La scelta sta all’utente e all’uso che desidera fare del suo mezzo durante la guida sulla neve. L’importante, ovviamente, è farlo pur sempre in modo sicuro.

Gli strumenti alternativi: occhio alla guida sulla neve!

In circolazione sono presenti una serie di dispositivi non a norma che si propongono di sostituire i pneumatici invernali, cioè le gomme termiche, o addirittura le catene da neve. Questi “strumenti alternativi” sono realizzati appositamente per generare capitale e non per salvaguardare l’utente con un supporto di guida sicuro, stabile e funzionale: le catene da neve, invece, sono prodotte e realizzate proprio per ricoprire con successo, in qualsiasi circostanza nevosa o ghiacciata, questi importantissimi ruoli! Affidarsi ad uno strumento alternativo è pur sempre possibile, a patto che quest’ultimo sia considerato a norma. Fra i tanti, le calze – talvolta definite “autosock” – e le catene a spray o a liquido, rientrano nello standard non ottimale offerto dal mercato, e perciò non rientrano nella norma giuridica che impone, come abbiamo visto, il rigido utilizzo delle catene da neve o delle gomme termiche. In realtà, questi dispositivi funzionano in modo particolare: si avvolgono alle ruote motrici, rivestendole per assolvere in parte alle funzioni dei dispositivi idonei che abbiamo elencato; sono, in ogni caso, molto veloci da installare, montare ed eventualmente ricambiare con altri sostituti, e di conseguenza rappresentano una sorta di fiore all’occhiello degli utenti che pretendono un dispositivo molto economico e non del tutto funzionale. Sottolineiamo che la legge del Codice della Strada non suggerisce e non promuove l’impiego di questi strumenti alternativi ed, invece, obbliga all’utilizzo delle catene da neve o delle gomme termiche.

Le “sanzioni ghiacciate”: i numeri delle multe invernali

Proprio così. Si rischiano sanzioni ghiacciatissime per non aver installato o montato sulla vetture le catene da neve durante la fascia periodica che ne impone l’utilizzo – ciò, anche se lo si ritiene sottinteso nella maggior parte dei casi, è vero solo ed esclusivamente nelle regioni nevose d’Italia, fra cui il Friuli Venezia Giulia. Le sanzioni pecuniarie amministrative per il mancato impiego delle catene da neve o delle gomme termiche, così come dei pneumatici invernali, che ricoprono la funzione riscaldante delle medesime gomme, oscilla fra i 39,00€ e i 159€, oppure dagli 80€ ai 318€, in base alla località nel quale è stata commessa l’infrazione e alla vicinanza dai centri abitati. Gli articoli 6 e 7 del Codice della Strada regolamentano l’erogazione delle sanzioni verso gli utenti e tutti i funzionari, ufficiali ed agenti di polizia hanno il compito di espletare la multa sia in flagranza di reato, sia a seguito di controlli mirati e più specifici al singolo caso.

Invitiamo tutti i nostri utenti a prestare molta attenzione durante la guida sulla neve, e di tenere sempre sott’occhio lo stato della propria apparecchiatura!